HomeitalianoLifeAbout

Sunday, 29 January 2012

E gnudi siano!


Lo so, questa voglia di semplicita' puo' essere scambiata per pigrizia o, peggio ancora, inettitudine totale: stessa famiglia degli gnocchi, ingredienti scontati come ricotta e spinaci e l'imperdonabile forma a polpetta!
Inoltre, come se non bastasse, il condimento e' solo un'extra vergine di oliva, un po' speciale perche' prodotto e regalatomi da cari amici, ma comunque solo di olio si tratta.
Gli gnudi mi son saltati in mente tempo fa quando con un'amica investigavo sull'olio extra vergine importato qui a Londra, e lei, dopo avermi descritto quello che secondo la sua opinione era il migliore tra quelli in circolazione, ha aggiunto per convincermi :“Katia, devi gustarlo a crudo sugli gnudi!”.
Detto, fatto. Se cercate un piatto sofisticato cambiate pure blog, oggi qui da Katia si mangiano solo gnudi conditi con olio extra vergine di oliva : )

La ricetta classica degli gnudi non prevede o quasi l'impiego di farina, secondo la cucina toscana sarebbero infatti composti dal solo ripieno dei ravioli, dei ravioli “nudi” insomma. La farina utilizzata dovrebbe servire solo per dare loro la forma voluta, io tuttavia ne ho aggiunta un po' al loro impasto per facilitarmi il lavoro (si', questa e' pigrizia!), cosi' come ho aggiunto anche un po' di pecorino all'immancabile parmigiano. Insomma, gli gnudi sono buoni sempre.

Gnudi ricotta e spinaci
(2 persone)

250 gr ricotta 
250 gr spinaci freschi
1 tuorlo grande
80 gr circa farina
10 gr parmigiano
10 gr pecorino
noce moscata
sale ed olio evo q.b.

  • Lessare gli spinaci in acqua salata in ebollizione per preservarne meglio il colore, scolarli, raffreddarli sotto l'acqua corrente fredda e strizzarli molto ma molto bene
  • In un recipiente mescolare con una spatola la ricotta privata di ogni liquido, i formaggi grattuggiati, il tuorlo e gli spinaci sminuzzati. Unire la farina, il sale e la noce moscata. 
  • Amalgamate velocemente e una volta formato l'impasto lasciatelo riposare circa 15 minuti nel frigo. 
  • L'impasto con l'aggiunta di un po' di farina sara' meno appiccicoso, ma tuttavia molto morbido.
  • Prendete un po' di impasto per volta e su un piano infarinato formate delle palline e cuocete in abbondante acqua salata. Appena riaffiorano in superficie rimuovere con una schiumarola. Condire con olio o burro e salvia.

18 comments:

Claudia said...

Gli gnudi sono semplice, ma anche taaaanto golosi! Sono il tipo di gnocchi che preferisco! Ottimi conditi all'olio e.v.o ma anche a burro e salvia con un pò di pepe o noce moscata! Un piatto unico!

Marina@QCne said...

Buonissimi e che foto incantevole!

About me said...

Proverò cn gli spinaci, intanto anche solo con ricotta e parmigiano sono la fine del mondo... Basta che ci sia l'olio giusto ;)

One Girl In The Kitchen said...

Le cose semplici sono le piu' buone. Viva gli gnudi! E che gnudi....

Federica said...

E gnudi siano...SI'! Li ho scoperti da quando sono in Toscana ed essendo sempre a favore dei ripieni, non potevano non conquistarmi subito. Un bacione, buona settimana

arabafelice said...

Hai reso poetica pure una foto degli gnudi!
Ci credi che non li ho mai fatti?

Valeria said...

sono bellissimi, e pensa che io non li ho mai fatti, chissà perchè! brava, semplice ma deliziosa!

Memole said...

Mi piacciono!!!

lucy said...

e'una ricetta di tyradizione povera adorabile.a noi piacciono moltissimo e sono simili ai piemontesi rabaton

Roby e Loris Feelcook said...

Imperdonabili polpette? Io adoro tutto ciò che possiede una forma rotondeggiante! "Solo" olio evo? Ma siamo ammattite? Niente di meglio! Oggi nella cucina di Katia grande preparazione gastronomica, ti adoro!

pips said...

A me quasi quasi piacciono di più "nudi"! Sarà che quel verde e quella presentazione sono da acquolina...

Gaia said...

ma ti sono venute delle bellissime polpette!
e hai proprio ragione: che siano strizzati bene... non come feci io l'ultima volta, quando ho dovuto trasformarli in qualcos'altro!!
;-)

Katia said...

@Claudia: difficile trovare qualcuno a cui non piacciano!
@Marina: grazie :)
@Fede: poi tu che usi anche la ricotta di bufala, che sogno...
@Sara: quando vieni te li preparo.. e vedi di sbrigarti! :)
@Federica: beh allora ne saprai piu' di me di sicuro, io li preparo da poco tempo :)
@Arabafelice: Stefania ho cominciato da poco per dirla tutta...
@Valeria: prova, sono facili e buoni...
@Memole: grazie :)
@Lucy: rabaton?! Spiegaci meglio allora :)
@Roby: troppo gentile cara, pero' ammettiamolo che le forme a polpetta non sono il massimo dell'eleganza :) ho cercato di compensare con la foto almeno. Comunque buoni son buoni. Bacione.
@Pips: quasi quasi anche a me piacciono di piu' nudi... grazie.
@Gaia: si', capisco, sono appiccicosetti, infatti vanno strizzati bene e per andare sul sicuro io metto anche un po' di farina ;)

Barbara said...

beh, se questo e` il risultato che gnudi siano! e poi non sono le cose piu` semplici a dare piu` gusto alla vita ?!? ;)

Ely said...

Da quanto tempo li vorrei fare... golosi e buonissimi! Foto strepitosa! Baci

v@le said...

Li ho sempre sentiti nominare ma mai assaggiati.. io sono atratta da tutte le cose a forma di polpetta li devo provare, ricetta mia!
ciao
vale

Acquolina said...

sarà semplice ma mi ispirano tantissimo, con un buon olio evo devono essere deliziosi!

Sonia M. said...

NOn li trovo affatto banali e semplici anzi, mi ci devo mettere d'impegno e provarli!
Buon we ;)
Sonia

Post a Comment

 
Copyright © 2010 KatiaAndKitchen, Katia P. All Rights reserved.