HomeitalianoLifeAbout

Sunday, 18 July 2010

Tacchino croccante alla paprika dolce ed erbette aromatiche


Sabato dopo esser stata in giro tutto il giorno ho cercato con mio marito di cenare fuori, obbiettivo: INAMO.. cucina fusion, molto tecnologico e di tendenza. Premetto che non era certo l'aspetto glamour del locale ad attirarmi quanto piuttosto il suo lato hi-tech: tovaglie interattive, tavoli touchscreen dove ordinare, controllare la preparazione del tuo piatto ed interagire con l'intero locale. Ero curiosa, e ad ogni  modo non stavo cercando una cena romantica... ma ludica e perditempo.
Ma cosa vi racconto a fare tutto questo? Alla fine non ci sono andata, o meglio... ci sono andata ma non ci sono entrata: il problema e' che alcune volte dimentico di vivere a Londra e penso di poter cenare in posti come questi senza prenotare! Per farla breve, dopo la solita delusione del locale con manipolo di clienti in attesa, abbiamo ripiegato per un ristorante indiano, precisamente una tavola calda indiana, in mezzo agli indiani, con la musica indiana, locandine indiane... e abbiamo mangiato very very indiano.
L'inaspettato cambio di programma e' stato piuttosto divertente, accantonato il ristorante per occidentali viziati e un po' annoiati ci siam ritrovati immersi in un autentico pezzo di india: il classico kitsch, assolutamente genuino, di uno squallore tipico e per certi versi incredibilmente attraente.
Questo e' uno degli aspetti piu' esaltanti del vivere in una citta' come Londra: la moda e le ultime tendenze insieme a svariati pezzetti di mondo tra cui scegliere quando hai voglia di cambiare aria.

Questi bocconi di tacchino sono stati condizionati da una vaga voglia di spezie rimasta dopo la strampalata cena. La paprika e' un regalino da parte dei miei cari amici spagnoli che finalmente uso e mostro contenta, mentre la ricetta e' di un'amica romana, una ragazza che lavora come commis chef e con la quale spesso scambio ricette e opinioni. La versione originale prevedeva la frittura... io ho pero' scelto la cottura in forno, decisamente piu' leggeri.

Taccchino croccante alla praprika

500 gr di fesa di tacchino (o pollo)
2 cucchiai di paprika dolce
2 cucchiai di salsa di soia
3 fette di pane in cassetta
prezzemolo
timo
maggiorana
basilico


  • Tagliate la fesa di tacchino in tocchetti regolari e non troppo piccoli.
  • Preparate una marinatura con un po' di acqua (1 tazzina circa), la soia e la paprika.
  • Mescolate bene i pezzi di tacchino nella salsina rossa e riponeteli a marinare nel frigo per una notte.
  • Accendete il forno a 200 C e nel frattempo preparate il composto con cui impanare il tacchino: frullate il pane in cassetta privato del bordo con le erbette aromatiche (libera la scelta delle erbette da usare), una presa di sale e mezzo spicchio di aglio spremuto. Dovrete ottenere una pastella umida e briciolosa di colore verde.
  • Fate sgoggiolare i bocconi di tacchino, impanateli con cura e disponeteli su una teglia ricoperta da carta da forno.
  • Infornate per circa 20 o 25 minuti al massimo (dipende dallo spessore) avendo cura di mantenere la carne morbida senza farla seccare... in caso di dubbi fate una semplice prova: assaggiatene uno e se cotto a puntino estraete la teglia dal forno.



32 comments:

Giuky said...

che bontà..una ricetta davvero squisita..:)
buon weekend

Castagna said...

Avevo sentito parlare di quel locale a Londra (si, hai ragione, sarà per occidentali viziati ma avrei voluto provarlo!) e mi incuriosiva parecchio...se poi ci vai fai un piccolo resoconto?? ;-)
In compenso nell'ultimo periodo mi è venuta voglia di cibo indiano...e qui il tuo post capita a fagiolo...
Solo una cosa: ma da una fesa di tacchino, come hanno fatto a venirti questi bocconcini belli spessi? Perché avrei l'idea di partire da un petto di pollo e poi tagliarlo a cubetti un po' grossi....ma la fesa di tacchino è già sottile e riuscirei a far venire fuori solo delle striscioline: tu come hai fatto?
Grazie, bacione
Castagna

FeelCook said...

Che fortuna poter girare il mondo (anche culinario!!!!) soltanto camminando per le strade di Londra ;-) Spesso l'atmosfera che hanno alcuni quartieri e ristoranti ti fanno credere di essere davvero in un altro continente!
Le tue crocchettine mi fanno proprio gola, amo i sapori piccanti e saporiti, e che dire del lato croccante?? Wow, brava brava!!!!

Ho letto la tua email.... e vado a risponderti! Mi hai lasciata a bocca aperta!!! Fantastico! ;-)
Roby

elenuccia said...

Certo che a Londra si può trovare da mangiare di tutto nel giro di pochi metri...mi sa che è andata molto meglio dall'indiano, i ristoranti troppo chic non mi attirano troppo.
Questi bocconcini devono essere molto gustosi...non so come tu abbia fatto a tagliarli così regolari comunque sono splendidi!!!

Girovaga said...

Ciao Katia, secondo me ti è andata meglio con l'indiano, dai...!! Dell'Inamo avevo sentito parlare anch'io, ma non mi aveva ancora stimolato a tal punto da andarci. Chissà magari prossimamente quandò sarò nuovamente a Londra ripenserò a farci un saltino.
Grazie di essere passata da me e un caro saluto!

Katia said...

@Giuky
ciao e grazie per esser passata a trovarmi!
@Castagna
Ci ritorno cara... non e' la prima volta che mi tocca fare dietro front davanti all'Inamo e ormai e' una questione di principio. La prossima volta prenotero' dopo di che vi raccontero' sicuramente come e' andata!
Riguardo al tacchino il mio era un pezzo piuttosto spesso, l'ho tagliato cercando proprio di ricavare dei cubotti... ha funzionato!
Un bacio e a presto :)
@Feelcook
Ciao Roby! In effetti e' molto divertente andare in giro ed assaggiare tutto... poi se sei stata gia' in un paese come l'India riconosci il cibo e l'atmosfera autentica di quei luoghi ed hai dei deja vu pazzeschi, ricordi divertentissimi :)
Un abbraccio :)
@Elenuccia e Girovaga
concordo con voi... e' stato molto carino mangiare indiano in un posto cosi' anti-chic per intenderci, in questo caso il locale figo e' stato rimpiazzato con successo da una modesta tavola calda e la serata e' riuscita benissimo lo stesso, basta essere adattabili :)
p.s. i cubi di tacchino, oltre allo spessore della carne e al coltello affilato, secondo me son dovuti anche alla marinatura che li ha ammorbiditi, motivo per cui son riuscita a modellarli un po' con le mani dando una forma piu' compatta e squadrata ;) A presto

Castagna said...

Ok, andrò alla ricerca di un "petto di tacchino", anche se l'ho sempre visto già tagliato a fette...dovrò cercare bene ;-)
Comunque ti sono venuti proprio graziosi, con quella bella forma quadratina! :-)

La cuoca Pasticciona said...

Ma che gustoso deve essere questo tacchino.. saporito, speziato con un sapore tutto alternativo.. ottima idea da sperimentare a da fare anche come figer food.. mi piace!!! bacio

Serena said...

Come mi piacciono i diversivi!!! a volte movimentano la vita che di per sè rischierebbe di essere monotona e scontata...certo che il salto dal locale trendy super hi-tech, alla tavola calda indiana in stile bollywood è grande!! Lunga vita a Londra, che offre sorprese così...

Patricia said...

Bellissima ricetta, con il pimenton dulce che adoro!! Buona settimana:)
Patricia

Ambra said...

Bocconcini prelibati e speziati...davvero il massimo!!!Che bella Londra, mi piacerebbe vivere lì!!!Un baciotto cara Katy!!!

Raffaella said...

Ciao Katia,è proprio bella questa tua ricetta.Un modo diverso per rendere il tacchino appetitoso.Bravissima,un bacio Raffa!!

fantasie said...

Io non ho trovato posto in una bettola di Palermo... e comunque anche per noi il ripiego è andato piuttosto bene, anche se non era in indian style!
A presto
Stefania

lucy said...

mamma mia devo dire a dir poco fantastici ci pvoglio provare e sono anche belli a vedersi.stuzzicante!

Forchettina Irriverente said...

E' stato un bel cambiamento .. è un pò frastornante quando si parte con un'idea di cucina e poi ci si ritrova in tutt'altra realtà, però molte volte questo riserva piacevolissime sorprese. Anche a me sono capitate situazioni simili, e devo dire che alla fine le ricordo come le più divertenti, alla faccia dell'hi-tech !! E poi ne è derivata una bella ispirazione, questo piatto me lo segno, perchè piace molto anche a me cucinare la carne bianca al forno e la salsa di soia è davvero un'ottima marinatura !!! Manu

Blueberry said...

Però, tutto sommato invidio la tua cenetta indiana in quel di londra! se poi ha portato a questi croccanti bocconcini...devi andarci più spesso! ;) Un bacione

elenuccia said...

ahhhhh ecco c'era il trucco per la forma ;)

Katia said...

@Cuoca pasticciona
in effetti anche io stavo pensando di prepararli come finger food la prossima volta, magari usando pollo anziche' tacchino e fare dei bocconi piu' piccoli... idea carina ;)
@Serena
esatto cara... viva Londra e viva anche la curiosita' e l'adattabilita' altrimenti non conta un tubo dove ti trovi... :) Ho conosciuto persone che a N.Y. han cercato disperatamente la pasta alla matriciana, e l'han pure cercata come se fosse stata una questione di vita o di morte... uhm, no comment!
@Patricia
questo pimenton dulce e' una prelibatezza davvero... a presto!
@Ambra
Londra e' stupenda ed o ci rimarro' ancora per poco... cerchero' di viverla intensamente in quest'ultimo periodo magari raccontandovi qualcosa. Baci :)
@Raffa
il tacchino di solito e' asciuttino e poco gustoso... cosi' diventa decisamente piu' accattivante. Baci anche a te!

Katia said...

@Fantasie
Ciao Stefania e piacere di conoscerti! Solitamente si mangia benissimo nelle bettole affollate... poi se sono vicine alla passeggiata sul mare ancora meglio :)
@Lucy
ciao e grazie, sei gentilissima... a dir il vero si preparano in men che non si dica. A presto :)
@Forchettina Irriverente
hai ragione Manu... dirottare su un altro locale e' di solito il modo migliore per salvare la serata; noi comunque eravamo gia' in giro da parecchie ore dunque non siam partiti da casa tirati a lucido e con grandi aspettative... diciamo che eravamo aperti a diverse
opzioni tranne una: arrivare a casa alle 9 e mettermi a cucinare :) Baci
@Blueberry
sai quando senti gli stessi odori e sapori che hai provato in quel paese? E' stato un po' cosi' per me... comunque a proposito di India mettero' presto un post. Baci.
@Elenuccia
hihiihi... si e' trattato di un trucco inventato sul momento, ha pero' funzionato!
Un bacione :)

silvia said...

Ma ci sono dei locali interattivi a Londra? Sono ignorante sull'argomento, pensa che non sono mai stata lì in London!
Tovaglie touchscreen...wow! Da visitare come un museo!
Però sono contenta per la cena indiana perchè ti ha ispirato questi deliziosi bocconcini speziati!

Milena said...

I cambiamenti di programma non sempre sono positivi, ma il vostro vi ha trascorrere una serata improvvisata e interessante: di certo le opportunità che la grande Londra offre, sono tante ...
Adoro la paprika e mi piace l’utilizzo per la marinatura con il tacchino ....

Acquolina said...

la cucina indiana non mi stanca mai (due settimane in India e mai tradita) che bello poter cambiare continente per cena!!! piacere di conoscerti! ,mi piace questa ricetta, a presto!
Francesca

chiara said...

bellissimo il ristorante!!!
i bocconi sono una meravigliosa delizia!!! adoro le spezie e le erbe aromatiche, hanno qualcosa di magico e regalano un gusto particolare e misterioso ai piatti!!!
dopo il mio viaggio in marocco, e le montagne di spezie viste al souk adoro ancor di più queste polverine profumate e coloratissime!!!
il barattolino della paprika è bellissimo!!!
ottima la cottura in forno!!! la maggior parte delle preparazioni che devon esser fritte sotto le mie mani finiscono sempre in forno :) nn ho un buon rapporto con la frittura!! anche se devo riconoscere che alcune cose possono esser soltanto fritte se si vogliono determinati sapori e fregranze
segno la ricettina per una prossima cena speziata! grazieeeee

Lucia said...

Di solito non cucino il tacchino perché risulta sempre un po' stopposo ed i miei storcono il naso, ma sono certa che preparato in questo modo risulti delizioso... Brava, Katia, mi hai suggerito un'idea vincente! :-)

Reb said...

Indecisa: non so scegliere tra i bocconcini ed il barattolino delle spezie! E il tacchino me gusta parecchio, gran bella ricettina.

°.°. Martina .°.° said...

brava katia, l'aspetto è molto invitante e sicuramente sono molto buoni! bellissima la foto, complimenti!! se vuoi passa da me: http://panpepatosenzapepe.blogspot.com/

ilcucchiaiodoro said...

Che belli questi bocconcini,si preferisco anche io la versione al forno,si suda (con il forno) ma non si appesantisce inutilmente... e la scatolina della paprika è davvero carinissimo,bel regalo!
Donatella

Katia said...

@Silvia
ma cosa aspetti? E' fantastica, non puoi perdertela :) Baci
@MIlena
anche a me la praprika piace moltissimo e non stufa mai..
@Acquolina
Ciao Francesca anche a me fa piacere conoscerti!
@Chiara
ciao cara, hai ragione, alcune cose van proprio fritte per ottenere un certo sapore e consistenza... ma quando noi possiamo buttiamo tutto in forno :)
@Lucia
E' vero che il tacchino rischi di risultare stopposo, specie il petto, bisogna proprio far attenzione alla cottura...
@Reb
il barattolino e' davvero delizioso :)
@Martina e Cucchiaio d'oro
Ciao e grazie per questa visita, passero' a trovarvi presto! :)

Eloisa said...

Mmmh..devono essere deliziose! Fra circa 40 giorni andrò a vivere con il mio fidanzato e finalmente potrò sperimentarmi in libertà e ogni giorno proverò una delle tue fantastiche ricette!! (..e speriamo che si converta anche lui alla cucina sana senza chiedermi tutti i giorni la pasta al sugo!!!!!):-) Baci baci

terry said...

Ma che bell'idea!!! davvero stuzzicanti ed invitanti... sia alla vista che all'idea degli aromi della panatura! voglio davvero provarli!:)
...e poi che voglia di risto indiano londinese!!! :) mi mancano quei ristorantini!

Katia said...

@Eloisa
uhm ho capito cosa intendi, ho compreso il genere...
fai di tutto per convertirlo ad una cucina migliore e alternativa, devi assolutamente tentare! Bacio
@Terry
ciao e grazie mille per essere passata a trovarmi :)

One Girl In The Kitchen said...

Questo tacchino quando me lo fai?
Mi ispira troppo, sottoscrivo la non friggitura in favore della "cottura in forno: leggera, rapida e gustosa".
;)

Post a Comment

 
Copyright © 2010 KatiaAndKitchen, Katia P. All Rights reserved.